miurpng




ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE     AD INDIRIZZO  MUSICALE 

"F.LLI MERCANTINI"  FOSSOMBRONE

  

tel .0721-714376/742476 fax. 0721-715533

       

psic82000l@istruzione.it      psic82000l@pec.istruzione.it



PLESSO DI ISOLA DI FANO


         Via Veltresca 51 - Cap: 61034. Telefono: 0721 727248


         Descrizione immagine



         SCUOLA PRIMARIA E INFANZIA DI ISOLA DI FANO


            ORARIO LEZIONI PRIMARIA ISOLA DI FANO:

         COD.MEC. PSEE82002Q

            DAL LUNEDI AL VENERDI

          INIZIO ORE 7:50____FINE ORE 13:00


          ORARIO INFANZIA DI ISOLA DI FANO

            DAL LUNEDI AL VENERDI

              INIZIO ORE 8:00_____FINE ORE 16:00





Descrizione immagine

        Descrizione immagine        
 
Descrizione immagine

  




                                      Storia

Le origini di Isola di Fano sono bassomedievali, ma nella zona esistevano insediamenti neolitici e preromani di vari popoli (Galli, Piceni, Etruschi). Diffusi sono infatti i reperti qui rinvenuti, fra cui si ricordano varie statuine e un bronzo di Vertunno ammirabile presso il museo etrusco di Firenze. Molti di questi oggetti furono portati alla luce da una piena del Tarugo agli albori del XX secolo. La nascita di Isola si deve alle invasioni barbariche che spopolarono la città romana di Forum Sempronii e determinarono un afflusso demografico nella zona: quando poi, nel Duecento, il papa Onorio III dispose la fortificazione degli agglomerati urbani,
il borgo di Vicus 
Insulae vide ufficialmente la luce. L'area godeva infatti della protezione naturale dei torrenti Tarugo e Rio, che permisero al Vicus di assurgere a presi dio della vallata. Già feudo dei conti Gualtieri di Fano, transitò poi sotto il controllo di quest'ultima città assumendo la denominazione attuale. Comune autonomo dopo la campagna napoleonica (XVIII-XIX secolo), successivamente all'Unità d'Italia Isola di Fano fu aggregata al territorio di Fossombrone.[2] Il paese, lungamente vissuto di agricoltura e artigianato, fonda agli inizi del XXI secolo parte della sua economia anche sull'attività piccolo-industriale del circondario, e possiede perciò una moderna zona di espansione che si è venuta affiancando al centro storico.